960x240INTERNO DUOMO.jpg
HomeAttivitàAttività culturaliVisite guidateVisita guidata: “Artemisia. La musa Clio” e “Costumi di scena. Anna Anni e l’Officina Cerratelli”

Visita guidata: “Artemisia. La musa Clio” e “Costumi di scena. Anna Anni e l’Officina Cerratelli”

Vota questo articolo
(0 Voti)

Artemisia Gentileschi, “Clio” Artemisia Gentileschi, “Clio” © GAMMP
29 maggio 2013 - ore 16:00

Visita guidata alla mostra:

Artemisia. La musa Clio e gli anni napoletani

prof.ssa Matilde Stefanini

Fulcro dell'iniziativa è il dipinto eseguito da Artemisia Gentileschi nel 1632: Clio, musa della Storia. La mostra, che propone importanti dipinti, inediti o mai visti in Italia, si concentra sugli anni napoletani dell’artista e approfondisce le nostre conoscenze sulla sua cospicua produzione partenopea e sulle sue vicende biografiche nella capitale del Vice Regno e in Toscana, dove Artemisia conservava interessi e proprietà.
A seguito delle due mostre monografiche dedicate alla pittrice a Milano (2011) e a Parigi (2012), l’esposizione pisana, si concentra sulla Clio, Musa della storia, dipinto ascrivibile al 1632. La rassegna di Palazzo Blu studia la tecnica e le variazioni stilistiche praticate da Artemisia a Napoli grazie al confronto con altri dipinti eseguiti nella grandiosa e popolosa bottega montata dalla Gentileschi in quegli anni.
Tra questi, oltre al prestigioso David inedito (1631) proveniente da un’antica collezione napoletana, saranno presentate altre opere certe di quegli anni, quali l’Annunciazione del Museo Nazionale di Capodimonte (1630), la Minerva delle Gallerie Fiorentine (1635), restaurata per l’occasione, l’Autoritratto della Galleria Nazionale di Palazzo Barberini (1635-37).

e a

Costume per Elisabetta I in Maria Stuarda,
regia di Franco Zeffirelli, 1983
© GAMMP

Costumi di scena. Anna Anni e l’Officina Cerratelli

dott. Diego Fiorini

La nuova iniziativa di Palazzo Blu, realizzata in collaborazione con la Fondazione Cerratelli, è un omaggio ad una delle più celebri costumiste italiane. Anna Anni, infatti, ha firmato centinaia di produzioni per prestigiosi teatri in tutto il mondo.
Indimenticabile rimane il legame professionale con Franco Zeffirelli, un sodalizio eccezionale all'interno del mondo dello spettacolo internazionale durato oltre sessant'anni, dalla formazione presso l'Accademia di Belle Arti di Firenze fino al trasferimento a Roma.
Anna Anni tornava spesso a Firenze per curare i celebri e indimenticati allestimenti del Maggio Musicale oltre alle varie collaborazioni che l'hanno portata in giro per il mondo diffondendo l'arte del fare teatro con competenza ed originalità, con perfezione e lusso artigianale.
La vicenda artistica di questi due geni del teatro è indissolubilmente legata alla Casa d'Arte Cerratelli. Tra le mura di questa celebre sartoria compirono le loro prime esperienze professionali che li portarono i costumi da loro costumi da via della Pergola verso i più prestigiosi teatri del mondo. Tra i registi e artisti che hanno condiviso questo successo con Anna Anni non possiamo non ricordare Mauro Bolognini, Beppe Menegatti, Carla Fracci, Piero Tosi e molti altri.

 

Calendario eventi

Ultime news

Torna su